Veliko Tarnovo 12/13 Agosto 2014

CLIKKA QUA PER LA MINI GUIDA

“A dirla tutta il giorno 12 è volato quasi esclusivamente per il viaggio, sono partito alla cieca per Varna, città turistica molto grande, sperando in una probabile connessione che fortunatamente ho trovato velocemente; nella lunghezza di questo viaggio ho potuto apprezzare un po di quella Bulgaria rurale che mi ha molto affascinato; i carretti tirati dai cavalli o asini, le città ex Sovieteche composte da casermoni e fabbriche megagalattiche oramai in disuso, i paesini sperduti in cui si è fermato il Bus, tutto questo per arrivare nel tardo pomeriggio nella capitale medievale dell’impero di Bulgaria.

DSCN7176 (Copy)

 

Premetto che a Veliko Tarnovo ci passerò poco tempo, ma nella voglia di vedere sia questa città che Plovdiv ho dovuto negare una visita approfondita ad entrambe le città; dopo la trafila per il biglietto per la Romania ( biglietteria vicino alle poste, impiegate gentilissime conviene fare il biglietto da Gorna Oryahovitsa a Bucarest) ho potuto godermi la città che si divide in due parti principali, la parte nuova e quella medievale, una prettamente fatta di palazzi moderni e piazze con monumenti riguardanti le guerre e l’altra una serie di vie acciottolate; preparatevi perché la città è arroccata su un monte e praticamente sarete coinvolti in un costante saliscendi; addirittura molti palazzi hanno un ingresso frontale ed uno sul retro posti su due livelli differenti in quanto costruiti in maniera strana; ho visto un palazzo che si affacciava sulla via principale che era formato da tre piani, ma girando sul retro si poteva constatare che il palazzo era di 14 piani, personalmente una cosa così curiosa non mi era mai capitata.
A me è piaciuta molto la parte vecchia di Veliko Tarnovo, questo intersecarsi di vie leggermente  scoscese e di scale che portano in vari punti della città, da molte parti si vede il fiume sottostante e si cammina in una pace quasi surreale, il meglio di se lo da la sera quando la luce fioca e giallognona dei lampioni ammantano di un certo fascino tutta la zona; una via interessante è la via dove risiedevano gli artigiani con le loro botteghe, è tra la parte nuova e quella antica, oggi fulcro dei negozi per turisti, ma alcuni scorci e l’atmosfera tutto sommato vale la pena; interessante anche la visita al monumento dei 4 cavalieri che hanno fatto la storia di questa città, da qua si possono ammirare le case tutte addossate una sull’altra in un suggestivo mosaico di porte e finestrelle; ma la perla assoluta è la Fortezza medievale; intatta nelle sue mura ed in alcuni dei suoi bastioni, si sale tranquilli nella frescura mattutina e si raggiunge la chiesa in cima ad una collina da dove si può dominare l’intera Veliko Tarnovo

DSCN7162 (Copy)

 

In conclusione la visita a questa città è decisamente consigliata, io sono stato anche a fare un giro ad Abenasi a vedere un vecchio monastero, ma sono arrivato tardi ed ho poco apprezzato, mi hanno anche parlato di un parco con una cascata non molto distante dalla città
Adesso si riparte e si cambia stato, ciao ciao Bulgaria adesso scopriamo la Romania”

CLIKKA QUI PER LE IMMAGINI

 

 

Annunci