#Galbiella da Gustare, un week end inaspettato nel Biellese

Le occasioni vanno prese al volo e spesso quelle last minute si rivelano esperienze interessanti; nel week end del 27, 28 e 29 marzo ho partecipato al mio primo Blog Tour; il tutto è stato organizzato dal GAL (Gruppo Azione Locale) Montagne Biellesi e  Aloha Viaggi ed è stata l’occasione di sperimentare una nuova esperienza e di poter scoprire dei luoghi e delle realtà che sinceramente ignoravo, il tutto era aggiornato in diretta  sui social network con #galbielladagustare ed il nostro tour, a carattere enogastronomico, era inserito in un contesto di altri blog tour riguardanti, cultura, avventura e vacanza con bambini nel Biellese.

IMG_1735 (Copy)IMG_1650 (Copy)

 

Lavorando nel tessile da  sempre per me Biella ed il Biellese erano sinonimo di tessuti e filati, questo week end ho potuto apprezzare alcune valli e molte eccellenze di questa zona del Piemonte a solo un ora e mezza di auto da Milano, posti ideali per una gita fuori porta all’insegna del verde e dell’enogastronomia, tutto condito da una cortese ospitalità caratteristica delle persone di queste valli.

Primo giorno: ritrovo con i nuovi amici, Lorenzo e Marta di The LondonHer e Simonetta di Viaggi&Delizie, in attesa di Marco e Paola di CarapauCostante; sistemazione presso il bellissimo agriturismo Cascina il Faggio, situato a Trivero,  dove abbiamo potuto apprezzare diverse declinazioni della Paletta di Coggiola prodotta dallo chef stellato Luciano Alberti dell’omonima azienda; la paletta è un prosciutto della tradizione Biellese, pensate che le prime citazioni risalgono al 1774 ed è sicuramente, assieme alla Toma,  un eccellenza locale importantissima; la serata è trascorsa tra chiacchiere e degustazioni di birra artigianale, in un atmosfera accogliente creata dai gestori Luca ed Olivia; il posto è consigliatissimo sia per la bellezza della struttura e l’ottima cucina, ma anche per la posizione strategica, ideale per visitare l’Oasi Zegna e fare passeggiate in una splendida natura, un ottima occasione per un bel week end di coppia o con i figli.

 Secondo Giorno: sveglia presto e ritrovo con Paola e Marco; guidati da Marina abbiamo dato inizio ad un tour eno gastronomico nelle eccellenze Biellesi; prima tappa il Caseificio Valle Elvo ad Ochieppo Superiore, una cooperativa di allevatori che hanno deciso di consorziarsi e produrre dei formaggi squisiti, la Caratteristica Toma ed il Maccagno su tutti, ma poi   molti prodotti dal fresco allo stagionato in tutte le declinazioni possibili completano la vasta gamma di scelta tra questi deliziosi derivati del latte, abbiamo avuto l’occasione di vedere la “cagliata” e di poter apprendere tutte le fasi di lavorazione dei vari formaggi; proprio da qui abbiamo potuto apprezzare una delle cose che più mi hanno impressionato, la voglia e la passione di tutte le splendide persone che abbiamo incontrato, la consapevolezza di portare avanti delle unicità e dei valori nel modo e nella qualità dei prodotti, un secco NO ad un appiattimento del gusto; la voglia di fare rete ha dato il via a numerose collaborazioni e proprio quella tra il caseificio e l’azienda Botalla di Biella ha datolo spunto per la seconda visita della giornata; grazie alla nostra guida Andrea, uno dei titolari dell’azienda, abbiamo potuto saggiare le varie fasi della stagionatura ed intraprendere un discorso sulle eccellenze gastronomiche e su come sia fondamentale tutelarle e portarle avanti, abbiamo avuto un grosso privilegio nel poter visitare le celle di stagionatura ed invecchiamento del formaggio, un esperienza che ho molto gradito; abbiamo degustato le Tome ed il formaggio Sbirro, assieme alla compagnia di Andrea e dei suoi collaboratori.

IMG_1737 (Copy)IMG_1733 (Copy)

Il momento clou per un amante della birra come il sottoscritto è stato la possibilità di conoscere Josif, mastro birraio e titolare del Micro Birrificio “Birra Elvo” a Graglia, in un contesto montano, grazia anche all’acqua del Monbarone, ideale per produrre birra, il micro birrificio “regala” ai consumatori una serie di birre a bassa fermentazione con delle qualità di gusto ed organolettiche che di sicuro vi lasceranno senza parole, dalla classica Pils fino alla premiata Bock è un escursione nel gusto che un appassionato non può perdere, Josif oltretutto è un vulcano di idee e ha ben pensato di farci assaggiare anche una colomba Pasquale prodotta in collaborazione con una pasticceria Torinese che ho molto apprezzato;  in conclusione mi sento di dire che sentiremo sempre più parlare di questo birrificio.

IMG_1694 (Copy)  IMG_1690 (Copy)

Poco sopra il birrificio si trova l’azienda agricola Cascina Montefino, un oasi nel verde ideale per poter portare i vostri bimbi a conoscere delle realtà che possiamo tranquillamente  dire che sono un patrimonio di tutti noi; una fattoria contribuisce a mantenere in ordine il suo territorio, accudendo gli animali con passione, nutrendoli con foraggi naturali e curandoli con rimedi omeopatici, i campi coltivati a foraggio e concimati naturalmente; il risultato di tutto ciò è un latte squisito che viene interamente trasformato nel piccolo caseificio di famiglia nel rispetto delle norme sanitarie e mantenendo la genuinità del prodotto. All’interno dell’azienda potrete visitare le stalle lasciar giocare i vostri bimbi in tranquillità e poter degustare ed acquistare i prodotti di questa cascina gestita con amore da due famiglie.

Ultima tappa della giornata è stata la Cascina La Noce, situata a Favaro, poco distante dal Santuario di Oropa è un’azienda che coltiva frutta e produce artigianalmente confetture e marmellate e chicca delle chicche è anche una micro distilleria di grappe squisite, Gestita da Andrea e dalla sua famiglia ha una vasta produzione di grappe ed elisr completamente prodotti in loco con vinacce di primissima qualità, biscotti e marmellate da leccarsi i baffi e se capitate in orario di pranzo o cena potrete fermarvi per poter assaporare la gustosa cucina casalinga

IMG_1709 (Copy)  IMG_1725 (Copy)

La seconda notte abbiamo dormito presso l’albergo del Santuario di San Giovanni ad Adorno, unico santuario dedicato a San Giovanni è meta di molti devoti e ottimo punto di partenza per alcune passeggiate, la struttura è molto essenziale, ma molto economica, possibilità anche di alloggiare in ostello e di pranzare presso il ristorante.

Terzo Giorno: ultima mattinata dedicata ad un’azienda vitivinicola, questa tappa si rivelerà a mio parere la chicca delle chicche di tutto il Blog Tour; il Castello di Montecavallo è situato a Vigliano Biellese, su una collina verdeggiante e nascosto da un bel bosco, il castello non ha una lunghissima storia ma ha la caratteristica di essere costruito in stile neogotico, un’unicità che lo contraddistingue; il maniero è anche sede di un azienda vinicola gestito dall’amabilissima Maria Chiara, appassionata produttrice di vini e grande viaggiatrice ci ha fatto da cicerone per le varie parti della struttura, i vecchi tini in legno, le nuove vasche e le botti per il Barric, la ghiacciaia e l’antica cantina dei vini; Maria Chiara produce diversi tipi e noi abbiamo potuto degustare il Cajanto, il Montecavallo (nebbiolo in purezza) ed il Kylix, un rosato molto godibile.
Nelle stanze del castello si può soggiornare, infatti due stanze adibite a B&B potranno farvi calare in un atmosfera magicamente insolita; con il contributo dell’amica Ferdinanda la nostra ospite gestisce un ristorante da soli 15 coperti dove poter gustare piatti legati alla tradizione e cenare o pranzare in un contesto che definirei unico.

IMG_1766 (Copy)  IMG_1765 (Copy)

In conclusione sono molto contento di aver partecipato a questo mio primo Blog tour perchè ho potuto constatare quello che spesso a noi appare nascosto, il dietro le quinti della produzione di tanti prodotti che poi ci troviamo sulle tavole, il capire la differenza tra ciò che è prodotto con cura e con maestria e la produzione di serie peserà sicuramente sulle mie future scelte gastronomiche; altro motivo di soddisfazione è l’amicizia con altri blogger con cui ho scambiato opinioni e bellissimi momenti e per finire un grazie a Marina e al GAL valli Biellesi per questa opportunità.

 

Annunci