Obidos 7 Agosto 2011

Si riparte col racconto di Portogallo 2011, prima di raccontarvi di nuovi viaggi vogliamo concludere questo reportage

“Ho letto da qualche parte che questa città è stato un dono di nozze di un re Portoghese alla sua futura sposa; penso che come dono sia stato molto gradito visto la bellezza del posto, si tratta di un dedalo di viuzze che si snodano all’intero di mura medievali, ad ogni angolo profumi di fiori rendono più suggestivo questo posto che si mostra diverso ad ogni ora del giorno in cui ci si passa; oggi compleanno di Amedeo e quindi anche serata di festeggiamenti; questo posto è molto turistico, ma nasconde in se un anima molto discreta, in qualsiasi ora del giorno inoltratevi per i sui vicoli e affacciatevi nelle sue piazze, sbirciate dentro le fresche chiese piene di azulejos e lasciatevi coinvolgere dalla dolce sensazione di benessere che si provo nel camminare tranquilli in una bella giornata di sole; essendo a soli 90 km da Lisbona, Obidos viene considerata una gita mordi e fuggi, ma  proprio quando la calca se ne va che questo paesino da il meglio di se. 
DSCN7708 (Copy)

Abbiamo affittato delle stanze da un affittacamere proprio sulla via centrale del paese ed è stato veramente interessante vedere queste orde di turisti riversarsi sulla via principale, fare un giretto sulle mura, arrivare al castello, quattro foto in giro e assaggiare il liquore locale servito in bicchierini di cioccolato per poi salire nuovamente; il contrasto tra questo “assalto” e la calma delle viette periferiche pieni di case colorate, le buganvillee in fiore e le porte in in fila all’altra che mi ha letteralmente stregato  e proprio per questo mi sono messo a scrivere queste righe accanto alla finestra, ad ascoltare i rumori della strada, guardando il paese riempirsi e svuotarsi, placido, calmo ed indifferente; i profumi e le immagini; ecco tutto ciò per me vale come la visita ad un monumento ed un museo.
DSCN2758 (Copy)

Tornando ad Obidos io consiglio caldamente la visita, si può girare in mille modi, con calma, un mordi e fuggi, percorrere tutte le mura e vedere tutto dall’alto, addentrarsi per i vicoli con l’alternanza di case bianche e coloratissime, i fiori , le taverne, il castello e le chiese; se però posso suggerire fermatevi almeno una notte, potrete vederla in tutte le sfumature, illuminata dalla fioca luce dei lampioni è romantica e calda; oggettivamente a me questo regalo reale, anche se non confezionato per il sottoscritto, è piaciuto un sacco!!”

VAI ALLE IMMAGINI

Annunci