Azzorre 2012 – São Miguel

Eccomi finalmente di nuovo sule pagine di questo blog… ok vi ho trascurato un po’ troppo, ma tra la vacanza in Asia e il rientro al lavoro tempo per scrivere ne ho avuto davvero poco.

Riprendo il racconto del mio viaggio alle Azzorre, partendo dalla prima tappa: São Miguel!

São Miguel è l’isola più grande dell’arcipelago per estensione territoriale, la capitale dell’isola, Ponta Delgada, è anche la più grossa città di tutto l’arcipelago ed uno dei principali punti di collegamento con il continente tramite i voli della SATA (via Porto o Lisbona).

Io ho scelto di volare via Porto anche se ho avuto solo pochissimo tempo per godermi un po’ questa meravigliosa città.

A São Miguel si trova uno dei luoghi più incantevoli che si possano incontrare alle Azzorre, la Lagoa das Siete Cidades; tuttavia l’isola offre altri scorci molto interessanti; come Ponta da Ferraria dove si trova una piscina naturale scavata nella lava dall’oceano, oppure l’Ilhéu de Vila Franca, un isolotto in mezzo all’oceano che in realtà è il cratere di un vulcano dove il mare è entrato formando una laguna. Altro posto interessante è la Caldeira do Vulcão das Furnas centro termale dove ammirare geyser e godersi un po’ di relax nelle acque sulfuree. L’isola poi è piena di altri laghi, villaggi o punti di osservazione che meritano una breve sosta per ammirare paesaggi molto belli o per godersi il lento scorrere della vita bevendo un caffè.

L’unica nota negativa di quest’isola (ma anche del viaggio) è la necessità di muoversi con un mezzo noleggiato, purtroppo i collegamenti con mezzi pubblici sono scarsi e poco frequenti rendendo praticamente impossibile muoversi in tempi decenti nelle varie zone dell’isola, spesso si è costretti a fare andata e ritorno da Ponta Delgada e difficilmente si riesce a far combaciare l’esplorazione di più punti sull’isola (io ho rischiato di rimanere bloccato a Sete Cidades per diverse ore se non fosse stato per l’autista del pullman che sarebbe dovuto partire diverse ore dopo che mi ha dato uno strappo in una località non lontana dove volevo andare a far un bagno e da cui poi sono ripartito per Ponta Delgada)… quindi mi sono dotato si uno scooterino con cui ho girato tutta l’isola e devo dire che guidare lo scooter per le strade lungo la costa è stato un bello spasso! Ovviamente questo ha fatto lievitare i costi del viaggio, ma quando fai la scelta di viaggiare da solo poi devi essere disposto a pagarne anche le conseguenze.

Nota informativa: io ho dormito all’ostello della gioventù di Ponta Delgada, struttura non nuovissima ma decente con personale molto gentile e disponibile, con costo abbastanza contenuto.

Ora godetevi qualche foto…

Annunci